Juan corazón Verón

Juan Sebastian VerònLa gloria non è qualcosa che si ottiene senza sacrificio. Non è nemmeno un vantaggio che si può acquisire solo portando un cognome illustre, solo con una storia personale e una grande carriera nel mondo del calcio qua e là. Così, Juan Sebastián Verón, come suo padre, ha avuto l’onore di giocare una finale internazionale e di trascinare la sua squadra il più in alto possibile.

E’ stato il cuore della squadra, l’allenatore sul campo, l’uomo che ha dimostrato che si possono ancora fare le cose per amore della maglia. E’ tornato perché voleva la gloria dell’Estudiantes e ha dato l’anima. Ieri sera ha giocato con una frattura all’alluce del suo piede destro, una lesione che è vecchia di un mese e gli è costata sei infiltrazioni, ma che non gli ha impedito di giocare solo perché non poteva perdere la finale nè una gamba.

E’ vero che non ha avuto la mobilità delle altre partite, che è rimasto fermo per una trentina di minuti, che non ha abusato del suo formidabile lancio per il dolore al piede che non gli ha permesso di giocare come gli piace.

Ha superato la menomazione fisica con la forza morale, fondamentale per la rimonta della squadra. Perchè quando la Brujita ha cominciato a giocare, i compagni hanno capito il messaggio, hanno capito che l’impresa era possibile.

Ha perso alcuni contrasti con Alex, però intelligentemente in zone dove l’avversario non avrebbe potuto danneggiare la sua squadra. Sul finire del primo tempo ha tirato un calcio piazzato dal vertice dell’area che si è rivelato fondamentale per dare la carica a compagni fino a quel momento bloccati.

Nei supplementari praticamente non si è mosso dal cerchio di centrocampo, il dolore al piede ne ha condizionato la precisione nei passaggi. Nonostante tutto ha continuato a comandare il gioco, a incitare, dare ordini finchè Astrada non lo ha sostituito. E successivamente anche dalla panchina al fianco del mister.

Abbiamo compiuto uno sforzo immenso vanificato dalle decisioni dell’arbitro“: così è uscito dal campo il leone ferito mentre l’Internacional festeggiava.

[Federico Rozenbaum su Olè]

Commenti (178)

About Nk³

Il calcio è uno sport stupido, l'Inter è l'unico motivo per seguirlo. Fermamente convinto che mai nessun uomo abbia giocato a calcio come Ronaldo (ma anche Dalmat non scherzava). Vedovo di Ibrahimovic, ma con un Mourinho in panchina persino i Pandev e gli Sneijder possono sembrare campioni. Dategli un mojito e vi solleverà il mondo.