Detestazione continua

Ci mancava lo spunto per un nuovo post. Almeno mi mancava.

Sì, è vero, stasera c’è la partita di Champions League col Panathinaikos, ma l’aria che si respira è quella di un’amichevole di poca importanza.

E’ un guaio questo, lo so bene.
E lo sa anche Mourinho che è alle prese con questo problema: correre il rischio di ritrovarsi in campo una decina di atleti demotivati e rilassati.
Ma lui sa come e cosa fare.

Noi da parte nostra aspettiamo con curiosità di vedere delle conferme e delle novità.

Potremmo fare decine di ipotesi ma il Mou saprebbe smentirci immediatamente. Non ci resta che aspettare.

Noi in particolare siamo restii a tranciare giudizi definitivi, a pretendere un modulo piuttosto che un altro, a chiedere per forza in campo la presenza di qualcuno o a volere l’esonero di qualcun altro e il ritorno di persone che abbiamo e che continuiamo ad amare in modo viscerale.

Dicevo che ci mancava lo spunto; ebbene ce lo danno alcuni amici, tifosi della seconda squadra di calcio di Milano che hanno deciso di frequentare il nostro cafèblog.

Loro avrebbero dovuto sapere che quello è uno spazio a rischio.

E se si sono illusi di poterlo frequentare impunemente per evitarsi lo squallore intellettuale del loro MR, non è colpa di nessuno tranne che di loro stessi.

A nessuno è dato di chiedere spiegazioni su quello che io e gli altri amici diciamo, o meglio scriviamo nello spazio che noi ci siamo costruito.
Se io scherzo o dico sul serio sta a chi legge capirlo. Se ci riesce.

Offese? Forse sì. Ma forse che intertriste non è una offesa? E non è riferita a una categoria (razza) di persone: quelle interiste?
E piagnoni, perdenti, sfigati cosa sono?
E non da tre anni, da secoli. dal tempo dei tempi.

E ora invece tocca a voi. Tocca a voi essere offesi. Tocca a voi sentire quanto insulsi siete coi vostri piagnistei e le vostre lamentele. Tocca a voi sentirvi addosso il disprezzo di quelli che avete disprezzato. Specialmente quando quelli hanno scoperto come erano nate le vittorie che vi facevano credere di essere i più forti di tutti!

Per quanto mi riguarda:
-detesto i fascisti perchè essere fascista dopo aver saputo cosa ha prodotto il fascismo dalle leggi razziali alle purghe di olio di ricino, alla mortificazione della persona di chi non era d’accordo con le loro idee, vuol dire non avere capito assolutamente nulla.
-detesto i comunisti perchè essere comunista dopo aver saputo quanti morti ha prodotto il comunismo nel mondo in nome dell’uguaglianza (e basterebbe solo questo) e quanti danni ha fatto in nome della liberà significa non avere capito assolutamente nulla.
-detesto i nazisti perchè dopo aver saputo cosa hanno fatto (e per carità non elenco i crimini e le atrocità che hanno caratterizzato quel regime) significa non aver capito assolutamente nulla.
-detesto i milanisti e gli juventini perchè dopo aver saputo come le loro squadre hanno ottenuto i successi di cui andavano fieri, come hanno vinto scudetti, coppe e tornei, quali interessi e quali poteri venivano coinvolti per condizionare arbitri, guardalinee e istituzioni sportive, essere milanisti o juventini, significa non aver capito assolutamente nulla.

Il tutto con le dovute proporzioni, naturalmente.
Lo chiarisco perchè il nostro blog è frequentato da quella gentaglia lì che non capisce mai una sega, nè quando scherzi, nè quando parli sul serio, nè quando li offendi veramente, nè quando…oh insomma così è se vi sta bene, se no andate a cagare!

Commenti (144)

About errek

Violento ed irascibile si distingue per l'assoluta mancanza di apertura mentale. Essendo nato a Catanzaro Nord, detesta il Sud e i meridionali in genere e tifa Inter da molto prima che fossero creati i Cieli e la Terra.