Scilafi brafa ggente (cit.), giornalisti meno

Commentata l’ottima intervista di Deki nei commenti al post precedente, che altre parole non servono, mi voglio soffermare sulle ultime news che provengono dalla famiglia (allargata) Mancini, quella che gli interisti non ingrati guardano ancora con affetto e riconoscenza ma che pesa tuttora sul bilancio della società fino al 2011.

Dopo aver respinto l’arrivo immaginario di Stankovic quest’estate, mi aspetto nuove raccolte firme “mulini a vento – style” da parte degli orfani di Moggi per prevenire l’altrettanto improbabile affidamento della Giuve al Mancio o al suo braccio destro Mihajilovic.

Un’ipotesi che persino il direttore di Juve Channel, Rossi, ha definito ieri sera “grottesca”, scatenando le ire del cazzaro Giulio Mola a Lunedì di Rigore; l’aspetto più grottesco della vicenda è che, nel presentarla, il cazzaro stesso aveva parlato di voci non confermate, visto che il Mancio è in Inghilterra per migliorare l’inglese (ufficialmente, altri rumors parlano di contatti con Arsenal al posto di un Wenger pronto a sostituire Domenech o il ritorno di fiamma del Manchester City), aggiungendo però che in caso di chiamata dalla giuve, il Mancio accetterebbe di corsa. E pazienza se da 6 Milioni passerebbe a meno di uno, secondo Mola-tov! Per altri fenomeni da circo presenti in studio il Mancio comunque verrebbe pagato prima forfettariamente da Moratti per chiudere il rapporto. Ma per favore!

Poi nuova telefonata di Sinisa, però Ravezzani deve aver fatto male i suoi calcoli se sperava di aizzare il serbo contro l’Inter, anzi, stavolta sono uscite solo parole di riconoscenza “io devo solo ringraziare l’Inter e Mancini se mi hanno preso a 35 anni e per due anni ho giocato e per altri due sono stato vice-allenatore; senza quei due anni oggi non riceverei nessuna proposta”; per la cronaca, ha pure lui smentito qualsiasi contatto con la Giuve (“non ho l’esperienza adeguata, ho fatto solo il vice per due anni”), non di aver ricevuto altre proposte (leggere tra le righe: Bologna, Torino, Samp); il conduttore prova a metterlo contro Mourinho tornando addirittura alle dichiarazioni dopo la prima partita di campionato, ma niente da fare, quindi desiste e tronca il siparietto tra Sinisa e Becca sulle punizioni. Evidentemente la telefonata era a carico della sua rete.

In definitiva, mentre stasera Raniero friggerà sulla panchina dell’Olimpico, mentre Blanc (quello che di calcio non capisce nulla, non il nostro ex) friggerà sulla poltroncina pensando ad un buen retiro nelle campagne della Provenza, possiamo essere certi che nè Cobollo, nè Gigli, nè gli altri del c.d.a. hanno una benchè minima idea di come/quando/se sostituire il settantenne.

Inutile dire che io “tifo” per un bel periodo ponte affidato ad un (ex) membro del cda. Perchè se è vero che “ancora non è arrivato il LORO Tardelli” (cit. da NK), potrebbe bastarci anche il “modello” originale…

Commenti (115)

About Mr Sarasa