Iniziative settoriali

inter torti settoreDa oggi, in tutte le librerie del nostro paese, è in vendita un nuovo libro sull’Inter, scritto dal mitico Settore. Questa volta bisogna dirlo: non si tratta della solita iniziativa editoriale che strizza l’occhio al mondo variopinto dei blog. Settore è scrittore di qualità, che non promette di attirare l’attenzione scrivendo post scabrosi e semi-adolescenziali, dai quali traspare unicamente la voglia di stupire. Se il blog di Settore vi è piaciuto, immagino che possa piacervi anche il libro, edito niente-di-meno-che da Baldini Castoldi Dalai, l’editore di Giorgio Faletti, per intenderci. Questo post non è un invito a comprarlo, ma è il primo tentativo di recensire sulla fiducia un libro non ancora letto.

Se si scorre il blog di Settore si può capire che la capacità di auto-ironia dei tifosi interisti – quelli veri – supera di gran lunga la stessa tendenza semi-snob di alcuni interisti famosi a intristirsi e a nuotare in quella tristezza che diventa filosofia da conto in banca. Nel libro di Settore, possiamo starne certi, tutta questa commiserazione seguita da auto-indulgenza non c’è. Ci sarà al contrario una scrittura fine, brillante, che ha il merito di farci presente un tifoso in carne ed ossa, coi suoi pregi (tantissimi) e coi suoi difetti (non capisce un’acca di html) e con la sua incrollabile fede interista, che si sviluppa come una parabola: dal tonfo del 5 maggio ai successi dell’Inter di Mancini.

I blog sono mezzi di comunicazione di facile consumo: nascono e muoiono per abbandono e noia. Ma in genere tendono a essere poco originali, monotoni e decisamente sopra le righe. E’ difficile, a mio parere, fare un blog personale, che parli con misura dell’autore attraverso le sue passioni. Il motivo per cui leggo quotidianamente Settore è proprio questo: dietro i post c’è una persona particolare che sa comunicare ciò che sente. E non è poco in un’epoca nella quale si pretende di interpretare il comune sentire attraverso slogan e martellamenti televisivi.

Commenti (74)

About ex-collaboratori